Skip to content

Tutta di rosa mi voglio vestire

09/05/2013

domenica_delle_donne

Stucchevolmente rosa. Non c’è scampo, in ogni iniziativa rivolta alle donne i messaggi di presentazione e promozione si colorano di rosa. Che si tratti di una nuova linea di prodotti per la depilazione o di manifestazioni impegnate a corredo per le giornate della donna, tutto deve avere un po’ di rosa.

L’ultimo è il manifesto di presentazione della Domenica delle Donne, il prossimo 8 settembre ai Giardini Indro Montanelli di Milano,”appuntamento di fine estate con la Domenica delle Donne: una giornata di festa dedicata alla salute e al benessere femminili” organizzata da Fondazione Donna a Milano Onlus in collaborazione con il Comune di Milano.

L’albero si colora di rosa sotto un cielo di nuvole vaganti in un grande prato verde: perché un’immagine di questo tipo viene associata ad un’iniziativa dedicata alle donne? Anzi, alle loro famiglie perché La Domenica delle Donne si prefigge di offrire un insieme completo di iniziative che coinvolgano donne e uomini di qualsiasi età e provenienza e le loro famiglie, che desiderano migliorare la società nella quale vivono

Il manifesto di presentazione della giornata, che comprende pure iniziative di rilievo culturale (vedi la tavola rotonda sul ruolo delle donne nel mondo del lavoro cui pure partecipano esperte/i di settore non sospetti di stucchevolezze come la sociologa  Francesca Zajczyk, delegata del Sindaco alle Pari Opportunità) inquieta invece che tranquillizzare, perché l’evocazione  di un mondo ideale dove le donne e forse le loro famiglie stanno su un grande prato verde all’ombra di un grande faggio è palesemente un falso. Non basta intingere nel rosa il pennello, anche quello di Photoshop, per cambiare la realtà.

Ho sentito spesso nelle iniziative a corredo dell’8 marzo le donne denunciare l’eccesso di rosa nei giochi dedicati alle bambine e poi ti accorgi che sei circondata: pure il logo di SNOQ è un bagno di rosa che l’interrogativo bianco SE NON ORA QUANDO? tenta di squarciare.

Vogliamo un mondo tutto rosa, ci dicono quei messaggi. Per niente, dico io. Vogliamo, donne ed uomini, un mondo in cui i colori stiano tutti al loro posto, siano veri e non modificati e vogliamo pure la libertà di colorarci, se vogliamo, di colorarci di altri colori.

“Tutta di rosa mi voglio vestire”, per favore, lasciamolo da parte.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: