Skip to content

Fukushima, mon amour

03/14/2011

“E’ probabile che noi moriremo senza esserci mai più rivisti.”
“E’ probabile, si. Salvo forse un giorno, la guerra.”
“Si, la guerra.” (Hiroshima, mon amour)

No, non la guerra a Fukushima, ma il disastro nucleare, effetto collaterale e non intenzionale, come si usa dire, dell’agire tecnico e della fiducia nella tecnologia. Dell’assenza del senso del limite. Prima che ragioni tecniche e scientifiche, è la valenza filosofica ed etica della contrarietà all’opzione nucleare quella che deve guidare il nostro giudizio e quello dei politici che governano.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: