Skip to content

Separazione dei poteri

09/08/2010

Un caso da manuale per la buona politica.

Il Capo del Governo è anche capo di un partito, il presidente della Camera è, meglio era, già presidente di un partito e fondatore di un altro.

La separazione dell’ambito delle istituzioni da quello del partito è un principio della democrazia che offre uno strumento volto ad introdurre dei limiti all’esercizio del potere. Le vicende di questi mesi offrono un quadro chiaro di cosa accade quando è il partito che controlla, o vuole controllare, le istituzioni.

La sovrapposizione degli ambiti è un modello leninista (è il partito che controlla lo Stato), fatto proprio come prassi anche da alcune democrazie (vedi Gran Bretagna) per sua efficacia di conservazione del potere, ma che un modello evoluto di democrazia come governo diffuso dovrebbe evitare.

Il Partito Democratico, maggiore partito dell’opposizione ha un segretario che, per statuto, è (o dovrebbe essere) il candidato alla Presidenza del Consiglio. Sarà meglio evitarlo, almeno per segnare una differenza di stile politico, oltre che di cultura istituzionale.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: