Skip to content

Lula, Silvio e Dilma

06/29/2010

I giornali italiani della visita in Brasile di Silvio Berlusconi riportano in evidenza la paparazzata non riuscita delle Iene. Nel programma ufficiale gli incontri con gli imprenditori dello stato di San Paolo e gli accordi di cooperazione stipulati nel settore energetico, nelle infrastrutture e nei grandi eventi sportivi. Per il Sole24ore ”tra grandi commesse nella difesa (Finmeccanica e Fincantieri), grandi infrastrutture come l’alta velocità San Paolo–Rio de Janeiro, telecomunicazioni con Telecom secondo gestore, energie alternative e il distretto del motociclo del Mato Grosso ci sono in cantiere affari per almeno 10 miliardi di euro”.

In particolare per Fincantieri (fregate e pattugliatori per la marina brasiliana) e Finmeccanica (sistemi satellitari ad alta tecnologia per il controllo delle coste e dei giacimenti petroliferi) e per le Ferrovie nel progetto di alta velocità ferroviaria tra Rio, San Paolo e Campinas. Dunque grandi affari in vista.

Ma Silvio Berlusconi non ha parlato solo di affari, i giornali brasiliani riportano anche i dettagli del suo incontro con Luiz Inácio Lula da Silva. Del presidente brasiliano Berlusconi invidia la popolarità, lo candida ad un terzo mandato e gli suggerisce di prendersi una pausa di quattro anni e quindi di tornare a fare il presidente per altri otto anni, in fondo “ha solo 62 anni, in questo modo arriverebbe a 74 anni, la mia età, ancora giovane e pieno di energia come me”.

In Brasile sono ammessi solo due mandati presidenziali consecutivi. Lula, che non può più ricandidarsi, appoggia la candidatura di Dilma Rousseff, economista, già ministra dell’energia, miniere e comunicazioni, oltre che ministra della Casa Civile (una specie di primo ministro). Lula non solo si schernisce e rigetta completamente la proposta di Berlusconi, ma sottolinea:

Solo un politico dal cattivo carattere sceglie una persona anonima o preferisce che sia l’opposizione a vincere per tornare al potere dopo quattro anni. Io ho scelto la candidata che considero più preparata a governare il paese. Pertanto, se eletta, lei ha il diritto di fare un buon governo e di riproporsi per un secondo mandato. Io mi accontenterei di essere capo elettorale per la seconda volta.

Dunque una lezione di stile e di rigore politico. In poche battute ha dato a Berlusconi del politico dal mau caráter, gli ha ricordato che esistono delle regole da rispettare, che esiste un tempo per tutto, che il potere deve avere dei limiti, anche temporali.

Annunci
No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: